Come si prepara il tè all’inglese

Per preparare una buona tazza di tè all’inglese, ovvero alla maniera occidentale ci sono delle attenzioni da seguire, né più e né meno come in

cucina. Voi fareste scuocere i vostri tortelli d’erbetta, i cappelletti in brodo o le verdure lessate? Lo sapete che a seconda che si voglia ottenere un buon brodo o avere un buon lesso la carne va messa nella pentola con l’acqua fredda oppure calda? Secondo voi, il tè non deve avere anche lui le sue regole da seguire solo perché non fa parte della “nostra” tradizione?
Vi ricordo che esiste anche in Italia la cultura del tè ed è in Piemonte, nelle Valli Valdesi, in provincia di Torino. Per saperne di più anni fa ve ne avevo parlato in quest’articolo Il tè Valdese e la cultura del tè in Italia.

Quindi anche per preparare una buona tazza di tè ci sono delle accortezze d’avere per poter bere un buon tè. Gli inglesi hanno l’usanza di bere il tè nero ma la regola sotto elencata vale anche per gli altri colori del tè, basta solo scaldare l’acqua alla temperatura consigliata per quel tè.

Preparazione

  • La temperatura dell’acqua e la tipologia dell‘acqua sono molto importanti e ve ne ho parlato in questi due articoli.
    Scaldare l’acqua a basso residuo fisso a 100°, è l’acqua che bolle come quando buttiamo la pasta (vedasi i due Link sulla temperatura e sull’acqua);
  • Versare un po’ d’acqua calda nella teiera, rotearla e gettarla. Se ci pensate si dovrebbe fare anche quando serviamo la pastasciutta con la zuppiera in modo da servirla calda;
  • Inserire all’interno della teiera il tè, oppure dentro al colino oppure le bustine usa e getta che avrete voi riempito con il vostro tè in foglia. Di solito le teiere sono da un litro e quindi ci vogliono dai 12 ai 15 gr a seconda se ci piace più o meno forte il tè e dal tipo di tè nero che viene utilizzato. Nel tè non c’è una regola assoluta;
  • Versare l’acqua calda e lasciare in infusione dai 3 ai 5 minuti. Di solito se si beve in purezza si lascia in infusione 3 minuti mentre se lo macchiamo con latte o limone si tiene 5 minuti. Ecco perché nelle bustine di tè c’è segnato 3-5 minuti;
  • Se abbiamo usato una teiera con un colino grande o delle bustine questi vanno estratti dalla teiera. Se invece avete messo il tè direttamente nella teiera, magari del tè Darjelling o Assam a foglie intere, bisogna colare, aiutandoci con un colino, velocemente il liquore del tè dentro ad un’altra teiera precedentemente riscaldata in modo che il tè non si raffreddi troppo;
  • Versare il tè nelle tazze ma come fanno in Oriente, ovvero versandone un po’ alla volta fino a riempirle tutte contemporaneamente in modo che ogni persona beva il liquore con lo stesso grado di infusione. Se ci pensate se si prepara il caffè con la moka questo, prima di essere versato, viene mescolato con un cucchiaino in modo che la prima tazza non abbia un caffè leggero e l’ultimo forte;
  • A questo punto la persona deciderà, a seconda se è stato preparato un tè forte oppure se è stato preparato un tè delicato come un Darjeeling, se mettere oppure no il latte o il limone. A tal proposito ecco un mio articolo Latte, limone, zucchero come si beve il tè?

In questo articolo vi ho parlato della preparazione occidentale e orientale e in questo del Galateo del tè: cose da fare e da non fare. A questo punto non mi resta che dirvi buona tazza di tè.
#ViaggioIntornoAlTè #Tèmozioniamoci

Barbara
13 giugno 2020

7 risposte a "Come si prepara il tè all’inglese"

Add yours

  1. Piccole accortezze per un gradito momento. Le “riflessioni” sulle altre pietanze sono giuste. Mentre le leggo, penso (anche) alla Colazione. Perchè al pranzo, alla cena, mettiamoci anche alla merenda , proponiamo piatti diversi (un giorno risotto, un giorno pasta, un giorno carne, un giorno pesce,…) mentre la colazione è sempre la stessa?Almeno a casa nostra. Cambia il gusto dei biscotti, ma perchè non cambiare anche il tè, oppure cambiare completamente gusto e passare dal dolce al salato? Grazie, come sempre, delle delucidazioni. Buona set-tè-mana!🥰👋👋

    Piace a 2 people

    1. Ciao Elisabetta,
      grazie mille per il commento e per il tuo punto di vista.
      In effetti, la tua è una bella riflessione. Credo che in tutte le case la colazione sia sempre uguale e cambia il biscotto o la marmellata. C’è da dire che, per fortuna, non stanca. Qualche volta mi piace fare la colazione salata con uova e pancetta…. tendo a farla di domenica. Stamattina, invece, per lavarmi la coscienza, mi sono fatta il porridge (fiocchi d’avena con uva passa, un po’ di cacao il tutto cotto con latte di mandorle. Avevo solo quello).
      Al mattino tendo a cambiare il tè usando diverse miscele di tè nero tra il Morning Tea, English Leaf Blend, l’English Breakfast, il Russian Caravan o il classico Earl Grey (tè nero aromatizzato al bergamotto). A volte mi faccio un tè rosso cinese come lo Yunnan Imperial.

      Piace a 3 people

Scrivi un commento. Grazie mille

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: