“Basta un poco di zucchero”… ma non bisogna esagerare!

Coraggio, chi di noi, di tanto in tanto, non intona nella vita di tutti i giorni quella canzoncina che faceva capolino nel lungometraggio Mary Poppins diretto da Robert Stevenson ed uscito nelle sale nel 1964? Julie Andrews, interprete della tata di famiglia protagonista dell’intera vicenda, con il suo vestito elegante, il cappello a tesa larga ben fisso sulla testa e l’immancabile ombrellino alla mano, si è imposta come una delle icone degli anni ’60 ed è rimasta impressa nella memoria di numerose generazioni fino a giungere ai giorni d’oggi ed uno dei suoi motti era proprio “Basta un poco di zucchero”.

Continua a leggere ““Basta un poco di zucchero”… ma non bisogna esagerare!”

Shizu: la “ciliegina sulla torta”

Come vi avevo già svelato in un precedente articolo, tra le numerose cultivar che possiamo ritrovare fra i tè giapponesi la mia favorita è, almeno per ora, Shizu. Nondimeno, avendovene soltanto accennato l’esistenza ho ritenuto doveroso prendere qualche appunto sulla sua degustazione così da potervela fare conoscere meglio: sappiate però che, in virtù delle emozioni che mi suscita, questa non sarà tanto una semplice descrizione quanto una vera e propria dichiarazione d’amore. Detto ciò, pertanto, comincio ad intonare la mia serenata!

Continua a leggere “Shizu: la “ciliegina sulla torta””