Il tè in Corea nelle scuole e in prigione

Chi ha letto il mio articolo La European Tea Show presso Gourmet Food Festival a Torino avrà visto che ho conosciuto il Professore Brian Park il quale ci ha spiegato il suo progetto sul tè in Corea del Sud e

ci fa fatto fare la degustazione di tè verdi provenienti dalla Corea, dalla Cina, dal Giappone e dall’Indonesia.

Mi è piaciuto moltissimo il suo progetto che porta la cerimonia del tè coreano nelle scuole per combattere il bullismo, nelle prigioni e nei distretti di polizia.

Era da un po’ che volevo scrivere un articolo sulla cultura del tè coreano, l’ho fatto in passato con questo articolo sul Pensiero di un monaco coreano sul tè e credo che sia giunta l’ora di cominciare scrivendo di questo progetto del professore Park.

Educazione in Corea

In Corea l’educazione inizia all’età di quattro anni per imparare a prendere il cibo con i bastoncini. C’è un’altra tradizione popolare dove le persone preparano una bevanda tradizionale, il Sungryung, colando l’acqua di cottura del riso e si condivide con i familiari. Poi c’è quella di bere il tè verde che inizialmente se lo potevano permettere solo le classi agiate, come del resto in tutti i paesi.

Alcuni testi dicono che il tè arriva in Corea direttamente dall’India nel 48 a.C. e altri dicono dalla Cina nel 828.

Oggigiorno, preparare e bere il tè è utilizzato per combattere la dipendenza del gioco e le persone, invece di essere immerse nel gioco si riuniscono per preparare il tè.

Corea Park - bambini in classe

La violenza e il bullismo tra studenti è stato risolto attraverso la cultura del tè. Nel programma “preparare e servire il tè” gli studenti che commettono violenza devono servire il tè alle loro vittime e poi viene ricambiato. In questo modo c’è un processo di mettersi nei panni dell’altro.

Corea Park - alunni all'aperto

All’inizio delle lezioni scolastiche viene sempre servito il tè in modo da aumentare la concentrazione e si è visto che l’apprendimento aumenta. Del resto lo dico sempre anch’io ai miei “Percorsi del tè con degustazione” che il tè aiuta a stare vegli, ovvero concentrati dopo pranzo, soprattutto se si fa un lavoro d’ufficio.

Il tè in prigione e nelle stazioni di polizia

La cultura coreana del tè è stata introdotta anche nelle prigioni. Dopo che venivano servite tre tazze da tè (non “mug“) si è notato che le attività celebrali e la concentrazione dei prigionieri aumentava e, quindi, diventavano più efficienti le attività di riabilitative.

Corea Park - poliziotta

Inoltre, la cultura del tè è stata introdotta anche nelle stazioni di polizia.

Il professore Brian Park vuole portare il suo progetto in Europa attraverso il suo programma per ragazzi “SAS tea program” e quello per prigionieri con il “programma CECO”. Per chi fosse interessato mi contatti via mail barbaravola@gmail.com

Barbara
6 dicembre 2019
#Tèmozioniamoci #ViaggioIntornoAlTè

2 risposte a "Il tè in Corea nelle scuole e in prigione"

Add yours

Scrivi un commento. Grazie mille

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: