Il tè in autunno

Alcuni di voi sanno che anni fa ho frequentato una Scuola di Naturopatia Umanistica a Parma e prima di studiare il mondo del tè ho frequentato un anno di Alimentazione secondo la Medicina Tradizionale Cinese (MTC) a Bologna. Per studiare l’alimentazione

bisognava anche fare naturalmente le lezioni di MTC insieme ai medici che sarebbero poi diventati Agopuntori o alle persone che sarebbero diventati massaggiatori Tuina. Oggi ho deciso di iniziare a parlarvi del secondo la MTC e, quindi, del tè in autunno.

Il tè non è semplicemente una bevanda o un prodotto da vendere è qualcosa di più che ho cercato in questi anni di trasmettere. Recentemente ve ne ho parlato anche come forma meditativa in quest’articolo Tè e meditazione, il Tea Mind e, a partire da questo mese, parte la collaborazione con due insegnanti di Qi Gong di Parma e Reggio Emilia, per far conoscere il tè proprio sotto questa forma. A ottobre, come ho scritto nell’articolo Eventi sul tè ottobre 2019, affiancheremo il tè alla pratica del Qi Gong Bambù.

Chi ha frequentato i miei “Percorsi sul tè con degustazione” o quando faccio saltuariamente dei mercatini mi sentirà spesso dire la parola “dipende“. Ebbene sì, come nella vita anche nella MTC tutto dipende da che punto di vista vengono guardate le cose e questo succede anche nel mondo del . Non c’è una realtà assoluta (metodo di preparazione, teina) ed è per questo che è il suo bello. Tutto cambia a seconda del tè che viene utilizzato. Quindi il tè ci insegna a prendere le cose con più flessibilità e, casualmente, come fa anche il Qi Gong, ginnastica energetica, che rientra tra gli strumenti della MTC.

5 elementi

Secondo la MTC esistono i 5 elementi che sono associati ai nostri organi e visceri, alle stagioni, ai colori e alle emozioni. Vi può sembrare strano che la MTC si basi su concetti semplici ma questi si basano sull’osservazione. La stessa cosa, se vi ricordate, facevano i nostri nonni (bisnonni a seconda dell’età del lettore) osservando il cielo, le nuvole. Noi adesso per capire che tempo farà guardiamo le previsioni meteo…. io credo di essere una delle poche che prendo il tempo come viene.

L’uomo è connesso alla natura. Il clima influenza il nostro stato di salute, come l’alimentazione, le emozioni e l’ambiente che viviamo nel posto di lavoro o con i nostri cari.

Come ben saprete bisognerebbe mangiare cibi di stagione e questo lo dicevano anche gli antichi cinesi. Ieri pomeriggio ho frequentato un corso di Qi Gong e Alimentazione. Ci è stato insegnato l’esercizio da praticare durante questo periodo autunnale e i cibi da prediligere. Naturalmente si è parlato della caratteristica emozionale dell’autunno e a un certo punto una persona ha detto che aveva notato che stava diventando più introspettiva, un umore diverso ed era in perfetta armonia con questo periodo. Ci raccontava come nel parlare con un’altra persona questa le aveva suggerito di prendere i fiori Bach. Questo ci fa capire come facciamo fatica ad accettare e ad adeguarci a questi normali cambiamenti che avvengono nel nostro corpo.

L’autunno

E’ collegato all’elemento metallo che è solido ma che può anche essere fuso e malleabile. La sua caratteristica è quella di raccogliere e di mettere in riserva.
E’ associato all’organo Polmone e al viscere Intestino Crasso ed entrambi hanno il compito di eliminare le impurità attraverso il respiro e attraverso le feci e di trattenere le sostanze pure, ossigeno e sostanze nutritive degli alimenti che entreranno in circolo nel corpo. Se il polmone è in disequilibrio energetico avremo tosse secca e stipsi.
Il sapore dell’autunno è il piccante e l’energia tipica è la secchezza, pensate alle foglie che seccano e cadono e l’energia sarà tutta trattenuta nelle radici, e la pelle che tende ad essere più secca.
Questa stagione è associata al colore bianco e all’introspezione e se l’energia dell’organo polmone non funziona bene, può diventare come emozione tristezza e trasformarsi in depressione. Quindi per l’equilibrio il motto è lasciare andare il passato, le emozioni negative e la rigidità. Il sentimento positivo è il coraggio.

In questo periodo dobbiamo prendere molta cura dell’energia del Polmone e dell’Intestino crasso o in inverno avremo delle conseguenze.

Autunno tea 2

Il tè dell’autunno

Vi starete domandando quale potrebbe essere il tè per questa stagione. Sicuramente tè di Terra, come il tè giallo e il tè scuro (dark), ovvero i tè neri cinesi fermentati i cui più famosi sono i Pu’Er che aiuteranno l’organo Polmone e il viscere Intestino Crasso a rimanere in equilibrio.
Quando l’emozione della tristezza diventa molto accentuata bisogna bere dei tè di Fuoco ovvero i tè neri (black)/ rossi cinesi o oolong ad alta ossidazione. Questi tipi di tè ci aiutano a controllare la tristezza. Allo stesso tempo dobbiamo anche bere i tè gialli e i Pu’Er per tenere in equilibrio l’elemento fuoco che potrebbe arrivare dall’organo Fegato.

In questo articolo trovate spiegato i colori del tè.

A questo punto non mi resta che augurarvi buona tazza di tè, buon #ViaggioIntornoAlté e #Tèmozioniamoci.

Barbara
6 ottobre 2019

12 risposte a "Il tè in autunno"

Add yours

Scrivi un commento. Grazie mille

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: