Un tè con … Monica “Il tè in Cina e Corea”

Oggi ho il piacere di ospitare Monica, una ragazza che ho conosciuto attraverso il suo Blog e l’ho subito invitata a scrivere per il mio. Buona lettura e buon #viaggiointornoalte #Tèmozioniamoci

Mi chiamo Monica e da qualche anno a questa parte ho un blog dove scrivo di viaggi, cibo e posti belli da vedere secondo la mia personale esperienza. Non sono un’esperta di tè, ma amo molto berlo e sono interessata alla cultura legata a questa bevanda. Inoltre ho una collezione di bustine d tè, cosa che può sembrare sciocca, ma di cui son molto fiera, a cui tengo molto e che mi ha permesso di conoscere il mondo del tè meglio, facendo ricerche sulla storia e la cultura di questa bevanda.
Negli ultimi 4 anni ho vissuto in Asia, prima in Corea e poi in Cina, entrambi due paesi in cui il tè è una bevanda fondamentale. Qui ho avuto la possibilità di provare e scoprire nuovi tè e nuove tisane, dai gusti particolari e molto lontani da ciò a cui noi siamo abituati.

Corea

In Corea ho visitato una delle più importanti piantagioni di tè verde del paese, nella contea di Boseong nel Jeollanan-do nella parte sud-ovest del paese: posto molto interessante anche se ormai molto turistico.

It tè verde prodotto in questa contea è tra i più pregiati e famosi del paese. Il Boseong green tea plantation è un parco dove si può passeggiare tra le piantagioni di tè e grazie a veri negozietti e anche piccoli ristoranti, si può comprare tè (ce ne è anche di biologico) e prodotti a base di tè (come biscotti e altri dolcetti) e assaggiare piatti preparati con il tè verde, tra le altre cose molto popolare è il gelato.
In inverno, solitamente intorno a gennaio, in questo parco si svolge in suggestivo festival delle luci, cioè le piantagioni vengono riempite di luci a led, creando disegni e giochi molto suggestivi.

tè coreano tradizionale

Inoltre in Corea ho avuto la possibilità di assaggiare, anzi di bere spesso, “tè” a base di grano saraceno (Memil-cha, 메밀차) o riso (Hyeonmi-cha, 현미차) o orzo (Bori-cha, 보리차) oppure mais (Oksusu-cha, 옥수수차) tostati. Queste sono bevande molto popolari, anche in Cina, e a detta loro anche molto benefiche per il corpo (soprattutto per le donne e per contrastare i dolori mestruali).
Inizialmente trovavo questi tè strani, con quel sapore di cereali tostati o di pop corn erano molto”particolari”, però con il tempo mi sono abituata al sapore e ho finito per apprezzarli molto…tanto che tornata in Italia ne ho portati un po’ con me.

Altri molto bevuti sono quelli a base di fiori come il gelsomino e il crisantemo, molto buoni e delicati.
Quello che ho notato è che i tè al gelsomino, sia in Corea che in Cina, sono molto più delicati di quelli che solitamente si trovano in Italia, che spesso hanno un profumo troppo forte e quasi “finto” che a me non piace molto (parlando soprattutto di quelli più a portata di tutti, che magari si trovano nei supermercati).
Inoltre i gelsomini usati son diversi da quelli presenti da noi o che si trovano nei tè indiani, hanno appunto sapore molto delicato e vengono infusi da soli oppure mescolati alle foglie di tè verde solitamente.

Ho avuto la possibilità di andare qualche volta in una sala da tè tipica coreana, dove viene servito un tipo di tè molto particolare, che non avevo mai bevuto prima. È una bevanda scura e abbastanza forte, chiamata Ssanghwa-tang (쌍화탕) a base di varie erbe officinali, tra cui anche liquirizia e cannella…infatti secondo me il gusto che predomina è proprio quello della liquirizia. Questo tè è servito con dei dolcetti, tteok fritte (gnocchi di riso) da mangiare intinte nel miele o nello sciroppo di riso.
Essendo il sapore di questa bevanda molto forte e a tratti un po’ stancante, mi era stato portato anche un bicchierino con una sorta di bevanda a base di yogurt e aghi di pino (molto buona e rinfrescante)…non so se questa è una pratica comune ma le volte che son stata in quella sala da tè questo tè mi è sempre stato servito così.

Come dicevo prima, in Corea c’è una lunga tradizione legata ai tè. Ce ne sono di tantissimi tipi, i più popolari son certamente i tè verdi, ma se ne possono trovare anche fatti con foglie di loto, con aghi di pino, con le foglie del gelso, di bambù, di caki, artemisia e via dicendo. Poi ci sono i tè di fiori, quelli allo zenzero o al ginseng, quelli con le bucce secche degli agrumi, con le giuggiole oppure con le bacche del ginkgo. E molti altri ancora.

Cina

Set da te su un tavolo di un ristorante di Dim Sum

Parlando della Cina l’esperienza è stata simile. Purtroppo non ho ancora visitato piantagioni di tè e non ho ancora frequentato una sala da tè, però di tè ne bevo e ne ho anche provati vari.

In Cina i tè più diffusi sono quelli verdi e rossi, li si trova ovunque, da bere caldi o freddi. Molto popolari sono anche i vari milk tea, bubble tea e fruit tea, tè al latte e “tè” con le perle di tapioca e “tè” alla frutta: bevande molto in voga tra i più giovani, si trovano negozietti to-go con questi tè ovunque con i più svariati tipi di bevande, cose stranissime a volte per noi occidentali: alcuni son solo che dolci e senza particolari sapori, altri son buoni e soprattutto d’estate un toccasana contro il caldo!

Bubble tea

Parlando sempre di queste bevande, tendenza dell’estate appena passata sono stati i tè freddi con varia frutta e i tè al latte, o anche solo il latte, con le perle di tapioca cotte nello zucchero di canna, quindi con un gusto di caramello…personalmente adoro entrambi!

Parlando di da bere in modo più tradizionale, in Cina se ne trovano di tantissimi tipi e ovunque: nei supermercati, nei negozi specializzati in tè, al mercato il tè è ovunque e per tutte le tasche e quindi anche di diversa qualità.

Piantagioni di tè ce ne sono in quasi tutte le regioni quindi questa bevanda è diffusa in tutto il paese. Oltre ai tè verdi e rossi, come in Corea, molto diffuse sono le bevande di orzo tostato (大麦 茶, Dàmài chá ), di grano saraceno (荞麦茶, Qiáomài chá) o di grano saraceno nero (黑苦荞茶, Hēi kǔ qiáo chá) molto popolari a nord, ma che oramai si bevono ovunque.

Tè sfusi, soprattutto fiori, al mercato

Inoltre, anche i tè di fiori vengono consumati spesso: molto popolari sono i tè di gelsomino e quelli di crisantemo, e poi rose, osmanto e tantissimi altri fiori di cui sinceramente non so neppure il nome. Spesso i fiori vengono mescolati a foglie di tè oppure a bacche goji, il risultato è una bevanda dal sapore molto leggero. Altre bevande popolari sono gli infusi di alcuni frutti oppure di bucce di agrumi (ps: in Cina si secca di tutto, quindi è molto normale vedere cose appese ad essiccare accanto a vestiti appesi ad asciugare XD): tisane vengono fatte con i caki, con i lici, con i longan e varie bacche. A differenza dei tè veri e propri, spesso le tisane di frutti e fiori vengono servite dolcificate con un cristallo di zucchero.

La Cina è un paese molto grande, e al suo interno è molto diversificato, ci sono molte etnie diverse e la cultura non è esattamente unificata, così come la lingua. Per questo è possibile trovare diversi tipi di cerimonie del tè, diversi modi di servire il tè e di gustarlo. Personalmente non ho mai assistito ad una cerimonia del tè però so che ce ne sono di molto spettacolari in alcune regioni.

Tisana invernale cinese a Pechino
Tisana invernale cinese a Pechino

Vivendo nel Guangdong, la provincia a sud che confina con Hong Kong e Macao, conosco bene la pratica del “Dim sum” (questa è la pronuncia cantonese, diǎnxīn invece in cinese mandarino) cioè una sorta di colazione tarda e allungata, solitamente fatta in occasioni particolari o nel week end con la famiglia o gli amici, in cui si beve tè accompagnato da vari cibi. I cibi serviti sono in piccole quantità e possono essere sia dolci che salati.
Solitamente si ordinano tanti e vari piattini, si mangia, si beve e si chiacchiera. Un momento conviviale molto diffuso in questa regione appunto. Tra i cibi che solitamente possono essere serviti ci sono ravioli, panini al vapore, egg tarts, gelatine, dolcetti vari, e altri piatti salati tipici della cucina cantonese, solitamente cotti a vapore. Il tè che solitamente viene bevuto dipende dai ristoranti, si va dai tè più quotidiani a quelli più pregiati (attenzione, a volte il tè servito può essere veramente costoso!): tè verdi (Longjing or Bilouchun), tisane al gelsomino o al crisantemo, tè Oolong, Pu’er oppure miscele di tè verde e rose o osmanto.
Il Dim Sum solitamente è consumato in ristoranti specializzati in quello, però oggi si trovano anche bancarelle che vendono i vari cibi da asporto oppure è possibile trovarli anche nelle rosticcerie nei supermercati.
Come dicevo prima, il mio approccio al tè non è da professionista, ma semplicemente da persona amante di questa bevanda nelle sue varie forme quindi forse i termini che ho usato non son tecnicamente corretti, ma spero vada bene lo stesso.

Presentazione di Monica

Mi chiamo Monica Renica, non sono un’esperta di tè ma un amante di questa bevanda nelle sue varie forme. Bresciana di nascita, adesso vivo in Cina e ho un blog che parla soprattutto di posti belli da vedere e cibi buoni da assaggiare (https://tripframes.wordpress.com/).
I miei tè preferiti son quelli verdi, in particolare il Longjin, e poi quelli di fiori come il gelsomino e il crisantemo. Amo i bubble tea e i milk tea freschi d’estate e le tisane calde con spezie in inverno (quelle che proprio già dal profumo ti scaldano dentro). Essendo un’amante dei dolci, adoro anche quelli fatti con i tè, come il gelato al matcha con fagioli atzuki e il matchamisù ^^

2 risposte a "Un tè con … Monica “Il tè in Cina e Corea”"

Add yours

Scrivi un commento. Grazie mille

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: