Oggi, 30 maggio, iniziano in Cina e nell’Asia Orientale i tre giorni di festeggiamenti chiamati Festa delle Barche Drago.

Questa festa cade il quinto giorno del quinto mese del calendario lunare ed è per questo che è conosciuta con il nome di “doppio cinque”

Stato di CHUL’origine di questa festa è quella di commemorare Qu Yuan (340-278 A. C.) funzionario patriottico e poeta originario dell’antico stato di Chu durante il Periodo degli Stati Combattenti.

Qu Yuan era di nobile discendenza e fu ministro e consigliere presso lo stato di Chu. Era noto per il suo patriottismo e lealtà politica e difendeva la sovranità del proprio paese in un periodo di guerre continue tra stati limitrofi.

La leggenda dice che a seguito di accuse diffamanti, da parte di ministri gelosi e corrotti, il re lo esiliò.

Durante il suo esilio raccolse leggende e odi popolari che riordinò in una raccolta dal nome di Chu ci o “Odi dello stato di Chu”. Queste insieme a Li Sao o “Elogio al dolore” sono considerati i maggiori esempi della letteratura antica in versi della Cina.

Un giorno Qu Yuan in seguito alla notizia che lo stato di Chu era stato sconfitto in battaglia si suicidò annegandosi nel fiume Miluo.

Gli abitanti, sapendo che era un uomo buono, si precipitarono a salvarlo remando a tutta forza a bordo di lunghe e strette canoe, chiamate Barche Drago, e cominciarono a suonare un tamburo per spaventare i pesci intenti a mangarsi il corpo.

dragon boat racing

Da qui nasce la tradizione di organizzare regate, lungo i fiumi che attraversano tutta la Cina, a bordo di lunghissime barche a forma di drago dove a prua un uomo suona un tamburo utile a scandire il ritmo delle remate.

Questa è una leggenda costruita su questo famoso personaggio, tanto è vero che durante i primi anni della Repubblica Cinese (1912-1949) la Festa delle Barche Drago era nota come “Giorno dei poeti” in omaggio a Qu Yuan.

Si ritiene che la festa sia una celebrazione dell’antica società agricola cinese, legata al raccolto del grano, in quanto celebrazioni simili esistevano da tempo in molte altre parti della Cina dove il poeta non era conosciuto.

Si pensa che la festa derivi dalle antiche usanze legate al solstizio d’estate e altri ritengono che sia una forma di venerazione praticata nelle zone lungo il fiume azzurro, per festeggiare il Drago dispensore di pioggia.

Sicuramente quando aumentarono i rapporti con i cinesi residenti in regioni diverse queste feste simili finirono con il fondersi tra loro.

Festa

Barche drago festa

Alla gara partecipano numerose barche e si svolgono nei fiumi e nei laghi. La prua delle barche reca scolpita nel legno una testa di drago dai colori vistosi e di vario aspetto. La gara è accompagnata dal ritmo di gong e di tamburi, dai colori delle bandiere variopinte e, naturalmente, dalle urle della folla che incita dalla riva. La gara finisce attraversando la porta del drago.

 

Tradizione

Cibo

Durante questa festa è tipico mangiare gli Zong Zi, dei fagottini di foglie di bamboo farciti da riso glutinoso, carne o frutta. Glie viene dato l’aspetto di forma conica o a cuscinetto e vengono legati con una cordicella e che si fanno cuocere al vapore.

Lo Zong Zi è un cibo completo è ricco di proteine, lipidi, glucidi, ferro e vitamine di vario genere. 

Casa

dragon boats - shuiyinE’ tradizione appendere all’uscio della porta di casa dei ramoscelli di calamo o di artemisia e alle finesetre sacchetti di erbe con lo scopo di tenere lontano gli insetti e le malattie.

Dragon Boats -Chinese medicine scent bags

Gli stessi sacchetti vengono regalati ai bambini in quanto si ritiene che li tengano lontano dalle malattie.
I bambini li indossano al collo, al polso o alle caviglie. La tradizione vuole che siano i genitori a prepararli in presenza dei bambini i quali devono restare zitti e fermi. Una volta che li hanno indossati posso essere tolte solo dopo la prima pioggia d’estate e gettate nel fiume.
Altro portafortuna e la tigre che la possiamo trovare come forma di ricamo nelle scarpe che vengono indossate in occasione della festa.

Alcuni anni fa anche Google l’avevo festeggiato:

dragon boat racing GOOGLE

Ieri ho parlato della guerra del tè e di Robert Fortune e lo spionaggio industriale del tè. Buona lettura 🙂

quyuan-stamp
Buon #ViaggioIntornoAlTè

Chi non è un blogger e desidera commentare sotto all’articolo è sufficiente andare fino in fondo e scrivere nel campo rispondi. Il sistema vi chiede il nome e una mail, quest’ultima non è obbligatoria. Nel caso la scriviate questa non la vedrà nessuno.
Volendo potete “loggarvi”, ovvero accedere con il vostro profilo facebook e nel vostro commento apparira il logo di FB, oppure potete commentare mettendo solo il vostro nome. A voi la scelta 🙂
Inoltre, è posssibile iscriversi alla newletter per non perdere gli articoli.
Grazie mille

Barbara
29 maggio 2017

Annunci